Endgame Juventus-Spezia 1-0

Endgame Juventus-Spezia 1-0

Forse per la prima volta in stagione la Juventus non fallisce il match-point, oggi la cosa più importante di tutte era vincere, alla luce del risultato di ieri in Roma-Atalanta che ha visto la sconfitta della Dea. E la Juventus vince, spingendo a -6 punti i bergamaschi e portandosi momentaneamente a -5 dalla vetta, in attesa dello scontro Napoli-Milan di questa sera.

Una partita spaccata in due, da una parte un primo tempo tutto sommato buono dei bianconeri, che non rischiano praticamente nulla, pur non essendo particolarmente pericolosi davanti, anche per merito della difesa ordinata dello Spezia. Difatti il gol arriva su un errore dei liguri, che sfruttano al meglio Vlahović e Locatelli mandando in porta Morata con rapidità.

Dall’altra parte il secondo tempo è stato invece di una sofferenza inaccettabile. Lo Spezia entra con un altro piglio e fa la partita, ma resta pur sempre lo Spezia e la Juventus non può concedere così tanto. In almeno un paio di occasioni i bianconeri rischiano il pari, non riuscendo più nel contempo a gestire il possesso palla e sbagliando tutte le uscite e tanti interventi difensivi.

L’affanno non si placherà più fino a fine gara, con una Juve in costante ritardo su ogni pallone, come certificato anche dalla pioggia di cartellini gialli. Nel recupero Morata ha l’occasione per raddoppiare su un traversone teso [forse troppo] di Cuadrado. Insomma indicazioni generali poco confortanti, ma il risultato era la cosa che più contava, e vista la vittoria con clean-sheet, bene così.

Rimangono le riflessioni sull’incapacità cronica della squadra di chiudere le partite anche contro avversari modesti, per quanto ben organizzati, e la conseguente sofferenza fuori misura. In crescita Locatelli, in calo Arthur, solito Rabiot, sontuoso [a dir poco] l’uomo con la 6, Danilo Luiz da Silva., così come il man of steel Matthijs de Ligt.